COME VIVERE AL MEGLIO LA GRAVIDANZA, IL PARTO, IL DOPO PARTO ATTRAVERSO UNA BUONA COMUNICAZIONE EMOTIVA

 

 Di fronte ad una situazione di disagio

Se il problema è nostro:

  • prendiamo consapevolezza di quale emozione stiamo provando (cerchiamo i termini più adeguati per esprimerla);
  • cerchiamo di capire la fonte delle nostre emozioni: quale nostro bisogno pensiamo non è stato soddisfatto?
  • Esprimiamo entrambe le cose (emozione e bisogno) al compagno;
  • Proponiamo in prima persona quale nuova situazione ci permetterebbe di sentirci meglio (possibile soluzione);
  • Coinvolgiamo il compagno nella ricerca di nuove possibili soluzioni che vadano bene ad entrambi (c’è sempre più di una soluzione per ogni problema);

 

Se il problema e del compagno/a :

  • ascoltiamo attivamente il disagio che il compagno/ ci comunica (senza giudizio, accettandolo );
  • chiediamo conferma, ripetendo con le nostre parole, di ciò che ci sembra di aver capito delle emozioni e dei bisogni dell’altro, per evitare fraintendimenti nella comunicazione;
  • ascoltiamo la proposta dell’altro senza criticarla;
  • pensiamo a possibili altre proposte per aiutare l’altro ad uscire del disagio;
  • scegliamo la proposta compatibile con le esigenze di entrambi;

 

Esprimiamo ciò che ci aspettiamo dall’altro nei confronti:

  • del momento del parto;
  • della gestione del bambino;
  • della gestione del tempo nel dopo parto;
  • della gestione delle faccende domestiche;
  • della gestione della vita di coppia;

 

Ipotizzare possibili soluzioni se:

  • il bambino dovesse dormire troppo poco;
  • non riusciamo a gestire le faccende domestiche;
  • i reciproci familiari sono troppo invadenti;
  • le troppe visite ci creano disagio;
  • ………………………………………

 

Essere consapevoli che è fisiologico, a livello di coppia, vivere un momento di disequilibrio e di disagio, soprattutto se siamo stanchi e abbiamo pochi aiuti esterni .

Se la situazione dovesse protrarsi troppo a lungo e ci fosse la percezione che l’allontanamento aumenta giorno dopo giorno, non esitate a farvi aiutare da persone esterne competenti.

 

EVITIAMO IN TEMPO DI FARCI PRENDERE DAI 4 CAVALIERI DELL’ APOCALISSE (atteggiamenti che portano alla disintegrazione della coppia) :

  1. LA CRITICA  (agli aspetti negativi della personalità del partner)
  2. IL DISPREZZO (si estremizzano le critiche fino ad offendere ed insultare l’altro)
  3. LA REAZIONE DIFENSIVA (non ci si ascolta più, ci si  attacca reciprocamente e si accusa l’altro per ogni proprio disagio)
  4.  IL MURO DEL SILENZIO (un coniuge si chiude nel silenzio togliendo all’altro ogni possibilità di comunicazione)

 

IMPORTANTE:

Non sono i difetti e i punti deboli dell’altro che allontanano una coppia ma LA MANCANZA DI INTERESSI IN COMUNE

La maggior parte dei problemi sono risolvibile con UNA BUONA COMUNICAZIONE DI COPPIA

  

Letture consigliate:

L’INTELLIGENZA EMOTIVA PER UN FIGLIO John Gottman – Rizzoli editore

MARTE E VENERE: DIVERSI PER AMARSI dvd John Gray – edizioni My Life