Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Youtube

L’ATTIVITA’ IN ACQUA PER BAMBINI DAI 3 AI 6 ANNI

attiv.-3-5-anni-085-300x225Chiedete agli operatori qual è la fascia d’età con cui incontrano maggiori difficoltà nel fare attività con i bambini e la maggior parte di loro vi risponderà “: dai 3 ai 6 anni “ ! In particolare i bambini di 3 e di 4 anni spesso non vogliono staccarsi dai genitori, non sempre hanno voglia di entrare in acqua, hanno repentini sbalzi di umore, sono facilmente distraibili e, nel momento in cui si sta seguendo uno di loro, il resto del gruppo fa di tutto … fuorchè seguire le indicazioni dell’insegnante. Spesso, per far eseguire semplici gesti “tecnici”  ( quali ad esempio i galleggiamenti o gli scivolamenti ) , l’operatore deve fare le acrobazie per farsi ascoltare. Se eccezionalmente emerge un bimbo particolarmente acquatico ed attento, spesso lo si toglie dal gruppo (a volte sotto la spinta del genitore che si aspetta che il proprio figlio, particolarmente “dotato”, impari presto a nuotare )  e lo si passa alla scuola nuoto con la speranza che un’attività “più seria“, meno giocosa, più tecnica, possa trasformarlo presto in un piccolo  agonista! Continua a leggere

Acquaticità da 3 a 5 anni … meglio con o senza genitore in acqua ?

 

Acquaticità da  a 5 anni: meglio con o senza genitore in acqua? La risposta a questa domanda deve considerare i molti benefici che la presenza del genitore comparta nell’esperienza del bambino. I bambini, potendo finalmente godere della massima attenzione del genitore, di un contatto fisico fatto d’abbracci, di coccole e d’incoraggiamenti è entusiasta e non vede l’ora di tuffarsi in piscina per giocare; la carica emotiva che ne deriva favorisce una maggior velocità d’apprendimento.

Continua a leggere

Estate Sicura

ESTATE SICURA

Per un’estate in sicurezza in piscina ed in spiaggia 30 semplici regole da ricordare e seguire. 

Continua a leggere

Come funzionano i video su BimbiPiù?

Il nostro sito presenta molti video rivolti a gestanti e genitori. Ogni video è stato creato filmando conferenze tenute da Nadia Carollo al Centro Acqua su specifiche tematiche. La durata media è di circa un’ora per video. E’ possibile acquistare i video in due modi: Continua a leggere

NON PARTIRE SENZA LE MAGIC AIR BELTS !

NON PARTIRE SENZA LE MAGIC AIR BELTS !

Se hai un bambino dai 12 mesi agli 8 anni che non sa ancora nuotare da solo dove non tocca, prima di partire per il mare, il lago o una piscina all’ aperto procurati una confezione di magic air belts … non avrai più bisogno di braccioli e salvagenti e soprattutto … tuo figlio imparerà presto a nuotare! Continua a leggere

Oggi vi presentiamo le Magic Air Belt!

 “Con il metodo Crescinacqua i bambini possono imparare a nuotare
da soli in acqua profonda già dai 16 mesi di età!”

Ma che “trucchi” usiamo per rendere così speciale il nostro metodo e ottenere questi risultati?

 Oggi vi presentiamo le Magic Air Belt! 

Continua a leggere

STAI CERCANDO DI DIRMI CHE QUELLO ALLO SPECCHIO SONO IO?!

Quand’è che i bambini iniziano a riconoscersi allo specchio?

Il modo più semplice per sapere se il tuo bambino si riconosce allo specchio è quello della MACCHIA ROSSA sul NASO.
Disegnando un punto rosso sul naso del bambino e mettendolo davanti a uno specchio si può capire se il bambino si autoriconosce se alla visione della macchia rossa si tocca il naso in modo da togliere il rosso, facendo così capire che riconosce che è lui e che c’è qualcosa di “sbagliato” su sé stesso (la macchia rossa). Continua a leggere

La personalità dei bambini è dovuta solo a come li crescono i genitori?

Spesso ci troviamo a pensare che la personalità dei bambini sia solo il frutto di come i genitori li hanno cresciuti, ma è proprio così?

Non c’è dubbio che le modalità di porsi da parte dei genitori influenzino la personalità dei bambini, e anche in buona parte. Ma è anche vero che i bambini nascono già con delle proprie predisposizioni innate, ovvero il temperamento. La cosa più interessante è che i genitori spesso tendono a rendersene conto solo con la nascita del secondo figlio, quando vedono che nonostante loro si comportino allo stesso modo si hanno risultati completamente diversi dall’altro figlio. Continua a leggere